Novità fiscali 2015 e Metodo 2.80

Giovedì 22 Gennaio 2015 09:09 Marco Scala
Metodo Certificazione UnicaCon il 2015 sono state introdotte alcune importanti novità fiscali che, relativamente a Metodo, interessano i settori: Fatturazione alla P.A., Split Payment e Certificazione Ritenute Acconto. Per venire incontro alle esigenze degli utenti di Metodo e fornire per tempo le soluzioni per le nuove esigenze metteremo a disposizione di coloro che sono interessati a tali problematiche una versione “preliminare” di Metodo 2.80 prima del rilascio ufficiale previsto verso il mese di marzo.

Fattura alla Pubblica Amministrazione
A partire dal 2 febbraio 2015 il Sistema di Interscambio accetterà solo files di fatture generati secondo il nuovo tracciato versione 1.1. Agli utenti che dispongono dell’apposito modulo aggiuntivo previsto in Metodo è stata inviata una specifica comunicazione al riguardo.

Split Payment
Sempre per chi emette fatture verso la Pubblica Amministrazione, dal 1° gennaio è in vigore la norma secondo cui la Pubblica Amministrazione provvede a pagare ai propri fornitori solo l'imponibile della fattura (fatte salve le eccezioni), versando l'IVA direttamente all'erario. Questo nuovo meccanismo ha evidenti ripercussioni sia sulle fatture emesse sia sulle liquidazioni IVA.

Certificazione Unica
Chi ha ricevuto nel 2014 fatture assoggettate a Ritenuta d’acconto (es.: lavoro autonomo o provvigioni) dovrà obbligatoriamente compilare un apposito quadro del modello CU2015 per riepilogare i compensi e le ritenute effettuate e consegnarlo al proprio fornitore (al posto, o in aggiunta, dell’attuale Scheda Compensi già prodotta da Metodo). Inoltre il riepilogo dei compensi dovrà essere trasmesso all'Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo 2015.

Metodo 2.80
La prossima versione di Metodo (2.80) implementerà sia la soluzione per gestire correttamente lo "Split Payment" sia una nuova gestione dei "Compensi con Ritenuta" che consentirà di compilare anche i campi richiesti nell’apposito quadro del modello CU2015, effettuarne la stampa da consegnare al percepiente e generarne il file da trasmettere all'Agenzia delle Entrate.
Chi avesse bisogno di queste nuove funzionalità dovrà farcene richiesta in modo da poter accedere alla versione preliminare di Metodo 2.80 prima del rilascio ufficiale.